Occhi di gatto: tre sorelle, un cult
di Valerio

Titolo originale
Anno di uscita (in Italia)
Ideatore
Episodi
Sigla


Per lasciare commenti su questa serie è stata attivata una apposita pagina sul blog di Hitparade Italia Cartoni.

 


NOTE DI COSTUME

Cat's eye, tre sorelle...in giro per il mondo

Il mercato dell'animazione giapponese conobbe un vero e proprio boom nel corso degli anni '80. Alcune serie riuscirono a diventare veri e propri oggetti di culto, oltre ad essere autentici gioielli dell'animazione. Cat's eye (Occhio di gatto a voler tradurre letteralmente il titolo originario) è una stella che brilla nel firmamento degli anime circolati all'inizio del decennio 80-90. Ad accaparrarsi i diritti di trasmissione in Italia fu Mediaset che trasmise sulle frequenze di Italiauno le imprese delle sorelle ruba-quadri (e non solo). Ma l'affare commerciale non si fermò alla serie: prima circolò il fumetto, dotato di fascino tanto irresistibile da indurre tutto un mercato indotto. Immancabili seguirono le figurine, i gadgets (portachiavi, i modellini di Gatte, con tutti gli oggetti che nei negozi potevano essere venduti con la scritta immancabile Occhi di gatto). Ma Kelly, Sheila e Tati volarono in tutta Europa, nelle Americhe e in Asia. La serie ebbe un seguito tale da essere degno di nota anche a distanza di più di due decenni dalla sua uscita.

Arsenio Lupin e Occhi di Gatto due cult a confronto

Per i "cartofili" più audaci non può passare inosservato un confronto sia pure superficiale tra le due serie:


Lupin III
Occhi di Gatto
L'autore
nasce dall'omonimo romanzo di Maurice Leblanc nasce dal fumetto di Tsukasa Hojo, poi trasposto in cartone animato.
Il tema dominante
rubare ai facoltosi per dare ai poveri ricostruire la collezione di opere del padre per conoscere la sua identità.
I protagonisti
Lupin, Jigen e Goemon le tre figlile del pittore Heintz: Kelly, Sheila e Tati.
L'arma per i furti
Lupin è maestro di trasformismo e geniale ideatore di tranelli. le Gatte sono agili e rapide, come l'animale che dà il nome al gruppo.

Edizione televisiva e originale

E' appena il caso di sottolineare che la serie andata in onda in Italia è stata "depurata" di alcuni fotogrammi. Per completezza di informazione e doverosa nota sui diritti d'autore, occorre specificare che questa pagina è stata redatta sulla base della serie edita dalla TMS Entertainment. Per questa ragione alcuni fotogrammi qui pubblicati potrebbero non essere stati visti sugli schermi televisivi nostrani.


L'AMBIENTAZIONE

I luoghi della serie:

  • Il locale Cat's eye si trova non distante dal posto di polizia del detective Matthew Ismann. E' lui stesso a confermare che ci si trova a Tokyo. Tuttavia quando la coppia di fidanzati si concede una serata mondana, i due si spostano volentieri ora al mare, ora in isole da raggiungere non così facilmente. Addirittura ci viene nominata Yokosuka, una zona periferica situata nella baia di Tokyo.
  • Il padre delle sorelle protagoniste è nativo della Germania, ma rimane un oggetto misterioso, quasi la serie si "divertisse" a giocare a "nascondino" con lo spettatore, facendo pensare a volte di essere ad un passo dal vederlo e allontanarlo dalla verità poco dopo. Di certo si sa che è pittore dal talento precoce, tanto da disegnare l'immagine di un'etichetta di bottiglia all'età di 10 anni. E' nato nel 1933, tanto è vero che la bottiglia viene imbarcata nel 1943, prima dell'affondamento di una nave dalle forze americane.

    Il tempo della serie:

  • I "33 giri" di famiglia: non siamo ancora nel 1982. Se lo fossimo, la serie ci mostrerebbe dei moderni compact disc, arrivati in Giappone nell'anno 1982. Non solo, la banda utilizza sistemi magnetici di registrazione delle telefonate e di intercettazioni delle conversazioni sospette.
  • Il complesso di Tati: i Clash hanno movimentato il mondo della muscia dal 1976 al 1986. Questo ci dice che potremmo essere intorno al 1980.
  • La bottiglia di vino che recuperano i folli malviventi del 48° episodio, è datata 1943. Se il suo recupero è avvenuto dopo 35 anni, questo vuol dire che ci troviamo almeno nel 1978.
    LA TRAMA

    Le sorelle Tashiker, Kelly, Sheila e Tati cercano il loro padre scomparso da anni ricostruendo la sua collezione d'arte. Egli, pittore dal notevole talento artistico, sparì durante la seconda Guerra Mondiale. Le imprese delle tre sorelle si susseguono tra colpi di scena inattesi e spunti di ironia ben incastonati.


    Personaggi

    Il signor Heintz
    Cominciamo da lui, dal padre delle sorelline Tashiker. Non perché quest'uomo abbia particolari meriti nella serie, anzi. In realtà è l'unico che, pur nominato e ricercato per mari e monti, non compare mai. Le figlie addirittura volano in Europa pur di cercarlo, ma devono far ritorno in patria prima di cominciare le ricerche. Quello mostrato è l'unico fotogramma che lo ritrae, in rigorosa ombra di copertura, con la piccola Kelly. Vissuto in Germania per anni, vive il periodo della scalata al potere di Hitler e fugge, alla ricerca di un posto dove esprimere il suo genio artistico. Finisce anche in Giappone, dove lascia le sue tre figlie, Kelly e Sheila piccoline, Tati nemmeno nata, alla quale però chiede di dare quel nome in regalo, prima di sparire nel nulla. Per il resto, del pittore ed artista, oggetto del giuramento delle sorelline Gatte, nulla si sa. E noi ci atteniamo al silenzio.

    Kelly
    (Voce: Barbara Castracane)
    La più anziana delle tre sorelle, la mente pensante dei piani da attuare. Equilibrata, affascinante, affettuosa e materna con le sue sorelline più piccole. Kelly si distingue dagli altri personaggi per la maturità delle sue scelte. Abile, come le altre, ma dotata di qualità umane che la rendono unica in tutta la serie. Per il suo fascino diventa addirittura modella in un episodio, ma rinuncia all'attrazione verso l'artista per dedicarsi alla sua "famiglia" e alla sua missione. Il giuramento fatto verso il padre incontra il suo limite assoluto nell'affetto verso di loro, che hanno precedenza sulla sua stessa vita. La caratterizzazione è molto dettagliata, nonostante l'azione abbia un ruolo assoutamente preminente.
    .

    Sheila
    (Voce: Claudia Razzi).
    In assoluto la Gatta sulla quale sono puntati i riflettori dell'attenta sceneggiatura della serie. La sua vicenda sentimentale con il detective Ismann fa da colonna sonora visiva ed emotiva a tutta la produzione rendendo al tempo stesso il personaggio invulnerabile e fragile. Un cocktail difficilissimo da rendere e che connota in maniera unica la serie.
    Il ruolo: Sheila è l'unica protagonista ad avere una relazione sentimentale, e con un poliziotto! La singolare relazione diventa causa e conseguenza delle scelte della banda: la ragazza si vede spesso indotta a togliere dai guai il fidanzato che pure la rincorre e non sa di farlo. Ma il paradosso arriva al suo apice quando il rapporto si deve stringere: più Isamnn si avvicina al suo obiettivo, più gli si allontana la fidanzata, che finirebbe in manette. L'abile sceneggiatura gioca al "gatto e al topo" con lo spettatore cercando di fargli vivere ad ogni episodio tutta la tensione del rapporto giustizia-ladro e amante-amata che non si incontreranno mai. Alcune forzature in effetti ci sono, per riuscire a portare ai limiti estremi il gioco di prestigio del cartone animato: Ismann abbraccia più volte la Gatta di cui è palesemente invaghito ma non si rende mai conto di avere con sé la fidanzata. Irreale ma suggestivo.
    La Gatta: Sheila è anche il braccio esecutore della banda. Come i super-eroi di Marvin salta sui tetti di una Tokyo un po' irreale e fugge con salti da atleta olimpionica. La sua leggiadrìa è portata alle estreme proporzioni per ragioni di contrasto con la palese inadeguatezza dell'uomo che ama e la ama. Un trionfo di seduzione femminile e di fascino irraggiungibile.

    Tati
    (Voce: Susanna Fassetta)
    La più piccola sorellina di casa è anche il genietto di famiglia. Suoi sono robots, marchingegni guidati a distanza, contraffazioni da vera professionista del furto. Insomma un autentico pozzo di genialità al servizio della sua missione. E' considerata la "bambina di famiglia", ma Tati si rivela sufficientemente maliziosa con la sorella impegnata nelle tormentate sue vicende sentimentali. Il suo ruolo è di arricchire la situazione intricata dell'ingarbuglio che si crea con il detective che dà loro la caccia. Un'altra intelligente trovata dell'abile sceneggiatura.
    .

    Matthew
    (Voce: Teo Bellia).
    Impacciato, imbarazzato, a tratti incapace. Questo povero detective è usato magistralmente per fornire un termine di confronto tra i comuni mortali e l'inarrivabile fascino della femminilità che non si potrà mai arrivare a dominare. Ismann nutre un vero e proprio sentimento di ammirazione verso le donne-ladre che insegue e corteggia al tempo stesso. La "sua" Sheila è paradossalmente più affascinante da ladra che non da donna "in borghese". La doppia vita delle sorelle Tashiker costituisce il suo cruccio, la sua ragione di vita. Per riuscire a dominarle il buon Matthew sarebbe disposto a tutto, ma il tutto di cui è capace si infrange puntualmente contro il muro dell'irraggiungibile, costituito dal fascino delle tre sorelle Heintz.

    Alice
    (Voce: Piera Vidale)
    L'unica donna che stia dall'altra parte della partita tra "onesti" e "disonesti". Come tutte le donne della serie, anche questa si distingue per acume e perspicacia, tanto da mettere in seria difficoltà le sorelle sia nei primi episodi che nella parte finale. E' l'unica che abbia intuito il mistero dell'identità delle ladre: solo la sceneggiatura, implacabile con il mondo dei comuni mortali, le impedisce di svelare l'arcano legato alle sorelle Heintz. Ha la geniale idea di far da guardia al locale Occhi di Gatto (che coincidenza..!) per verificare che nessuna di loro si muova durante il furto notturno, ma due robottini-sosia la ingannano. Infine si incastra da sola quando ricorre ad un morso a Sheila per verificare se sia o meno lei la Gatta tanto ricercata, ma sbaglia clamorosamente il controllo che qualunque spettatore avrebbe compiuto meglio al suo posto.

    Il Capo
    (Voce: Dario De Grassi)
    L'espressione più celebre della serie è sua ed è rivolta al suo amato-odiato Ismann: "sei un idiota!". Diventa così il tema dominante del rapporto polizia-ladre. Il Capo, il cui nome rimane sconosciuto perr l'intera serie, diventa il simbolo del comandante burbero e irascibile, ma tutto sommato umano e sensibile. Apparentemente duro e inflessibile, in realtà nasconde un animo umano e paterno. Ismann diventa suo figlioccio e al tempo stesso sua disperazione. Ogni occasione è buona per riempirlo di insulti e improperi, ma di fatto è la prima vittima di se stesso: nutre una profonda ammirazione per l'aspirante Ispettore Capo della Centrale di Polizia, il "suo" Matthew.

    Il signor Marloss
    (Voce: Germano Longo)
    Lavora dietro le quinte dei piani della banda. Amico del padre scomparso, Marloss studia i luoghi e le persone per impostare i furti delle sorelle cui è paternamente affezionato. Non si sa molto di più su questo costante ma secondario personaggio della serie. A volte interviene a togliere dai guai questa o quella Gattina, e lo fa con azioni imprevedibili e preziose.


    Censuriamo la censura

    Note sui diritti d'autore

    Tutti i fotogrammi pubblicati sono di proprietà della TMS Entertainment che ha prodotto la serie originale e che detiene i diritti sul marchio Cat's Eye. La nostra scelta risponde a ragioni esclusivamente divulgative ed illustrative e non intende violare alcuna norma vigente in materia di diritti d'autore.

    Occhi di Gatto chiama...censura risponde

    Poche serie, come questa sembrano "giocare" con la sensualità delle tre protagoniste, quasi invitando esplicitamente la scure della censura televisiva ad operare sui fotogrammi troppo piccanti, volutamente audaci.
    Vediamoli, dunque, i fotogrammi che hanno "preoccupato" gli editori di Mediaset nel(l'ormai) lontano 1983.

    Le docce di Kelly e Sheila: i primi episodi insistono volutamente sui dettagli della vita privata delle sorelle della banda. Sembra che la sceneggiatura voglia soddisfare la curiosità vagamente voyeuristica dello spettatore affascinato dalla sensualità delle ragazze. Per ben due volte vengono riprese le docce di Kelly e Sheila.

    L'inquadratura parte dai piedi del soggetto e sale fino ad inquadrare il tronco del personaggio. La scelta è quindi quella di soddisfare la curiosità dello spettatore (di sesso maschile, evidentemente) che sin dai primi episodi "deve" affezionarsi, non senza buona dose di attrazione vera e propria per le donne che trainano la serie. Non ha altra spiegazione l'inserimento di fotogrammi tanto espliciti negli episodi, che l'emittente (per l'Italia Mediaset, nemmeno a dirsi) ha puntualmente tagliato nella versione vista sugli schermi.
    Per i fotogrammi qui sopra su Sheila si sollevò una protesta giovanile quando si scoprì che l'originale non era proprio "uguale" alla versione ufficiale italiana. L'emittente ritenne che il pubblico infantile che doveva assistere agli episodi non poteva assistere senza turbamenti a questi spezzoni (non superiamo i 5 secondi di frammento). Ma il tempo ha fatto giustizia di tali scelte e anche a noi sembra quanto meno ingiusto e irrispettoso delle scelte di produzione (commerciali o meno che fossero) tenere chiuse nel "cassetto" questi fotogrammi-tabù.

    Le provocazioni: la serie non si limita a riprendere docce e bagni. Va oltre, inquadrando chiaramente scollature e dettagli che lasciano trasparire le caratteristiche delle sorelle protagoniste.

    Il primo fotogramma è inserito in un contesto di alto impatto emotivo. Matthew è la vittima preferita della regola consueta della serie: il desiderare senza poter avere, il tentativo perenne di catturare l'imprendibile.

    Il secondo fotogramma è riferito a Kelly che addirittura si presta ad una improbabile lezione di comportamento amoroso un po' inverosimile se diretta ad una ultraventenne come lo è senz'altro Ismann.

    Quando Matthew chiede di poter vivere temporaneamente in casa con le sorelle si hanno le situazioni più colorate, quasi ci si sbizzarrisca a creare situazioni che incuriosiscono e rendono più accattivante la serie. E' il caso del frammento in cui Matthew nel tentativo di interrompere la sveglia che gli impone di alzarsi e tocca inavvertitamente la fidanzata.

    La biancheria di Kelly: il povero detective si trova a dover persino aiutare Kelly a togliere un abito che le evidenzia persino un frammento di intimo tutto da censurare.

    La caduta sul "morbido": altra situazione del tutto particolare. Ancora, lo stesso Mattehw inciampando finisce col volto sul fondoschiena di Sheila. L'occasione è ideale per proporre una Sheila ancora più accattivante, visto che già si trova in bikini estivo.

    La sauna: mancava una "ciliegia sulla torta" in una serie che sembra una continua provocazione. La sequenza mostra tutte e tre le sorelle immerse a mezzo busto nell'acqua e discutere sul da farsi per il furto successivo. L'irruzione di Matthew non è gradita per due motivi: le ragazze sono impresentabili (essendo nude in acqua) e stanno trattando argomenti troppo segreti per gradire la sua presenza. Da qui la secchiata d'acqua a Matthew, il quale si affaccia senza malizia nel bagno femminile e trova Tati pronta ad accoglierlo, dimenticando però che non ha vestiti indosso..

    Il morso di Alice: altra scena che non risparmia fotogrammi del tutto particolari è quella del morso di Alice a Sheila. Per verificare che non sia proprio lei la Gatta che stanno cercando, la poliziotta morde la gamba di Sheila vestita da ladra e poi verifica la presenza del morso mentre in casa fa un bagno ristoratore.
    Abbiamo estratto alcuni fotogrammi dalla scena e ne proponiamo la sequenza:
    1: Alice entra in bagno, nonostante Matthew si opponga al tentativo della collega, che giudica invadente e fuori luogo. Apre la vetrata e osserva la ragazza nella vasca. E' certa di aver in pugno la soluzione del caso. Adesso le basterà verificare che lo stesso morso dato alla ladra c'è anche sul corpo della ragazza.
    2: Sheila la guarda infastidita e la invita a togliere il disturbo. Finge di non sapere ciò di cui sta parlando la poliziotta e l'accusa di farneticare.
    3: Alice ignora la ragazza e nonostante le accuse di delirio le afferra il braccio sinistro. Stupita e incredula di non vedere i segni del morso, crede di aver sbagliato braccio e va sul destro.
    4: ormai stenta a credere a quello che vede. Nessuna delle braccia porta i segni della lotta del pomeriggio. I suoi sospetti cadono senza che possa far nulla.
    5: Sheila è al tempo stesso stesso irritata e contenta di aver superato un ostacolo così imponente come i sospetti della poliziotta, molto più intraprendente dell'innocuo Matthew.
    6: Sheila esce dalla vasca e osserva il suo povero polpaccio ancora dolorante dopo lo scontro avuto con la caparbia Alice, la quale ha dimenticato di controllarle le gambe.


    LA RECENSIONE

    I sentimenti: la serie gira palesemente intorno alla relazione tra i due fidanzati ufficiali, Matthew e Sheila. Ma questi non sono fidanzati comuni. Si amano reciprocamente alla follia, si rincorrono per tutta la serie, si promettono fedeltà a vita. Solo che il loro rincorrersi non conosce sosta: la doppia vita di Sheila e sorelle rappresenta il paradosso che rende tutto un vortice senza centro. L'intero cartone si rivela così una matassa che non si sbroglia mai. Più tempo passa e meno semplice diventa la questione. Basta ragionarci sopra pochi secondi. Ismann promette all'amata fidanzata di sposarla non appena avrà catturato Occhi di gatto. Bene. Ma siccome Occhi di Gatto è proprio davanti ai suoi occhi, seppure ci riuscisse non potrebbe sposarla, perché dovrebbe fare ciò che il suo ruolo impone: rinchiuderle in prigione. Siamo quindi di fronte ad un enorme "cubo magico" che gira su se stesso per 73 episodi senza trovare la combinazione esatta.

    Femminilità e valori, protagonisti nascosti: a ben vedere la serie ha una sola luminosa ed evidente protagonista: la femminilità. Da qualunque parte ci si volti si denota la grande attenzione riservata ai ruoli più seducenti e perspicaci. Tre sono le assolute star della serie: Kelly, Sheila, Tati.


    Le Gatte: i furti sono un grande pretesto per mostrare quello che alla serie interessa: il fascino irresistibile delle protagoniste. Non è un caso che la serie sia passata alla storia dei cartoni animati pur essendo il racconto di tre ladre. Come può un cartone essere così osannato quando narra le vicende e i successi di tre ladruncole di opere d'arte? Evidentemente perché non è il furto il protagonista della serie. Le ragazze in realtà non rubano, ma recuperano oggetti che spettano a loro. Quello che rende affascinante la loro azione è la ricerca delle opere paterne; la loro profonda nobiltà interiore; il legame esistente tra loro; il conflitto con la giustizia non è violento, ma affettuoso. La polizia diventa un termine di paragone tra la loro perfezione di stile e di idee e i comuni mezzi dell'essere umano. Lo spettatore sa già che la lotta non ha storia, solo è mosso dalla curiosità di sapere dove arriva la fantasia e l'astuzia.


    Alice e le donne della serie: la sola in grado di confrontarsi con l'indomabile fascino delle ladre è la poliziotta che si affida a qualità che gli uomini suoi colleghi non possono utilizzare. Vediamo perché:

  • Appena entrata in servizio nella stazione di polizia, Alice dubita immediatamente della ragazza del collega. Utilizza l'olfatto e nota che il profumo utilizzato dalla ladra è lo stesso di Sheila. Ne vuole la conferma, così trova il modo di rimanere in casa delle sorelle la sera del loro secondo furto e quasi avrebbe scoperto il gioco di prestigio se non fosse per la (inverosimile) genialità della piccola Tati che costruisce due robots identici a due di loro.
  • Quando l'olfatto fallisce, ci pensa l'occhio osservatore a cercare la prova dei suoi sospetti. La riconosce nella modella che sfila con la collana da rubare, ma non fa in tempo a tornare a casa prima di Sheila perché non conosce le loro scorciatoie.
  • Infine l'astuzia le suggerisce il famoso morso. Peccato che si perda da sola dimenticando di aver preso la gamba e non il braccio.

    Ma Alice è solo una tra le donne che compaiono: sfilano davanti agli occhi una schiera enorme di elementi femminili. La moglie di Lupin, la nipotina di Matthew invaghita dello zio che le aveva promesso di sposarla, la ladra che si spaccia per Occhi di gatto, la reporter di Radio Giappone Fm, la vigilessa che si innamora di Ismann, l'ex-insegnante di Tati nell'ultimo episodio, per non tralasciare la ladra di cui il Capo si innamora senza sapere chi sia. Tutte sfoggiano doti di seduzione e di abilità che i personaggi uomini non possono pareggiare. L'uomo è come soggiogato da tanta abilità e da tante qualità estetiche e interiori.

    Il finale: poche serie hanno un finale così enigmatico e scenograficamente ad effetto. Per chi non ricordasse l'ultimo episodio, sarà utile la sintetica elencazione che in questa scheda viene inserita. La sceneggiatura si serve di un trucchetto alla Occhi di Gatto per evitare di fare scelte rigide. La serie, a dire il vero, finisce e non finisce. Detta così, sembra una frase a metà tra un'ovvietà e un enigma. Cerchiamo di spiegarlo meglio: le sorelline inventano una recita teatrale in cui interpretano se stesse e riescono a rubare il diamante che volevano. Così facendo, tuttavia, la serie subisce uno sdoppiamento di finale. Vediamoli entrambi:
    - Il 1° finale: se gli autori avessero optato per chiudere la serie come l'opera teatrale recitata, Sheila confesserebbe la sua identità a Matthew il quale, suo malgrado, dovrebbe arrestarla. Tuttavia, intenerito dai sentimenti reciproci, il Capo grazia la ladra e lascia liberi entrambi di vivere insieme.
    - Il 2° finale: se la serie finisce come l'apparenza suggerisce, la recita è solo una recita, le Gatte compiono il furto e continuano la loro vita parallela. Matthew si sveglia dal sogno del palco e torna alla sua realtà, quella di inseguitore.
    Da qualunque parte la si veda, la serie si conferma un bel gioco di prestigio con la banda che mette a segno il colpo più strepitoso di tutti: rimanere nella memoria a distanza di 25 anni dalla sua nascita, complimenti alle sorelline.

    Il messaggio: parlare di Occhi di Gatto diventa parlare del gioco lungo millenni tra chi fugge e chi rincorre. Non sempre, tuttavia, chi fugge ha la posizione di vantaggio. Abbiamo detto fin qui che la protagonista è la femminilità, ma Sheila stessa rivela il segreto nascosto nella "sua" serie. Una frase tradisce le Gatte e svela la verità sulla loro corsa interminabile: ti prego Matthew, continua a rincorrerci, non smettere mai di darci la caccia. Rincorrici per sempre. Che senso avrebbe correre e sfuggire agli inseguitori, se non ci fossero inseguitori? L'unica scelta che rimane da fare, a sentire Sheila, è quella di parte: inseguire o essere inseguiti? Lei ha scelto la seconda e ha insegnato che il ruolo è tanto difficile quanto affascinante e misterioso. Molti preferiscono invece rincorrere, come Matthew. Da qualunque parte si scelga di stare, occorre correre e, magari, imparare a saltare sui tetti..

    La frase memorabile della serie:: continua ad inseguirci, Matthew,, dacci la caccia per sempre. (Sheila)


    EPISODI
    Nota di redazione

    Gli episodi evidenziati in rosso sono approfonditi nella sottosezione Rivediamoli insieme.

    L'edizione italiana di Occhi di Gatto si compone di 73 episodi:

    1° episodio: Un legame rischioso

    Occhi di Gatto organizza di rubare la Goccia della regina, un diamante nascosto per l'occasione nei sotterranei di una galleria d'arte di Tokyo. Grazie agli involontari suggerimenti di Matthew le tre sorelle riescono nell'impresa.

    2° episodio: Il mistero del dipinto rubato

    Il quadro che le sorelle decidono di rubare è proprietà di un facoltoso proprietario che viene ucciso la sera del furto. I sospetti si concentrano sulla banda e per riuscire a non essere catturate le tre ladre devono essere più astute della polizia.

    3° episodio: Una fotografia compromettente

    Carol, compagna di scuola di Tati, scatta per caso una foto a Sheila in fuga sui tetti della città. Fortunatamente nella foto la ragazza è irriconoscibile, ma i sospetti sulla somiglianza tra la ladra e la ragazza sono tali che Carol chiede di restare la notte da loro per assicurarsi che non si muovano di lì. La fantasia delle sorelle non ha limite.

    4° episodio: La moglie di Lupin

    Si fa chiamare moglie di Lupin una professionista del furto che ha risorse inesauribili nel creare stratagemmi. Le sorelle della banda Occhi di gatto devono appropriarsi dei quadri appartenuti al padre, ma la donna arriva prima di loro. Solo dopo aver saputo l'identità del padre, fa loro dono della refurtiva.

    5° episodio: Una nemica spietata

    Alice>, collega di Matthew, si mette sulle tracce della banda e la sua astuzia è temibiile. Per il furto del dipinto da rubare le sorelle devono pensare l'ennesima trovata geniale per ingannare l'astuta psicologa.

    6° episodio: Lezione d'amore

    Il quadro da rubare stavolta è su un'isola lontana da Tokyo. Con l'occasione le tre sorelle si concedono una vacanza durante la quale Kelly cerca di spiegare a Matthew le regole da seguire nella vita sentimentale con Sheila. Il dipinto viene sottratto con un tuffo nell'acqua gelida che circonda l'isola.

    7° episodio: Un felice compleanno

    La collaborazione con Alice rende Sheila sospettosa del legame esistente tra i due. Per verificare la consistenza del suo sentimento le sorelle organizzano una festa cui invitano anche Matthew. I due ricompongono il loro legame e Sheila aiuta il detective a catturare un dinamitardo suicida nel museo della citta.

    8° episodio: Il segreto di un antico tesoro

    Un allievo di Leonardo era giapponese ed era solito preparare veleni su commissione. Il suo ultimo quadro, diviso in due parti nasconde un terribile segreto. Occhi di gatto se ne impossessa ma non riesce a vederlo perché anche una spietata banda di delinquenti è sulle tracce del dipinto. L'avidità li condannerà alla pena che da 400 anni è nascosta nel dipinto.

    9° episodio: Un buffo inseguimento

    Per evitare l'ennesimo furto, Matthew decide di prendere lui stesso il dipinto che un mafioso ha deciso di rubare. In sella ad una moto inizia la corsa che dovrebbe durare l'intera notte. Sua inseguitrice diventa Sheila, che rischia di essere riconosciuta.

    10° episodio: L'insospettabile

    Il ricco collezionista Jacobs pur di difendere i suoi quadri ha fatto addestrare i suoi cani per uccidere. Così le sorelle guidate da Tati devono eludere la guardia dei feroci dobbermann per rubare l'opera d'arte del facoltoso furfante.

    11° episodio: Tentazione pericolosa -1° parte

    Un casinò gestito dalla mafia è il luogo dove Matthew viene inviato per capire chi lo gestisce e e smascherarlo. Intanto Sheila, che lo ha accompagnato, vince una somma considerevole e scommette tutto pur di ricevere il dipinto La donna pericolosa, che venne perso durante la seconda Guerra mondiale.

    12° episodio: Tentazione pericolosa -2° parte

    Sheila viene condotta sullo yacht dove viene tenuto il quadro appartenente al padre. Intanto le sorelle la raggiungono e si addentrano sulla nave dove riusciranno ad aiutarla nella sfida contro la proprietaria del casinò, in una sfida ad alta tensione alla roulette.

    13° episodio: La promozione di Matthew

    Matthew ha l'opportuna di sostenere l'esame di assistente ispettore e guadagnare molto di più, ma dovrà trasferirsi per un anno lontano da Sheila. La ragazza rifiuta di seguirlo e lui decide di non passare l'esame, per rimanere con la sua "gatta".

    14° episodio: Scacco alla polizia

    Una banda di criminali senza scrupoli si impossessa del diamante chiamato la lacrima di Cleopatra e rapisce Matthew e Alice. Ci dovrà pensare Occhi di Gatto a liberare i poliziotti per riprendere il diamante.

    15° episodio:All'ultimo secondo

    Luke Nirkoss, pittore e collezionista d'arte, si impadronisce con l'inganno del dipinto Elegance Noir appartenuto al padre delle ragazze. Il collezionista senza scrupoli rapisce anche Kelly per aggiungere e completare la collezione. Sarà difficile per Sheila salire sulla sua petroliera.

    16° episodio: Sfida contro il tempo

    Stavolta il dipinto da rubare è in banca e in una cassaforte con tripla protezione antifurto. Occhi di Gatto deve nascondere Sheila in una cassa con il rischio di asfissia per lei e Matthew rimasto chiuso con lei.

    17° episodio: Preda e cacciatore

    Newmant è un collezionista di quadri ma anche un tiratore olimpionico di tiro. Alle tre sorelle sarà difficile smascherarlo quale assassino spietato e rubargli il dipinto La bella addormentata. Sheila, intenzionata ad aiutare Matthew ad acciuffarlo, entra da sola nella sua villa.

    18° episodio: Incontro sul ring

    Sfuggire con il diamante più grande del mondo non è impresa facile. Sheila e Tati devono persino spacciarsi per lottatrici sul ring per non essere trovate dopo il furto.

    19° episodio: Una strategica invenzione

    Una preziosa statua d'oro è protetta nella Centrale di Polizia. L'unico modo per entrare indisturbate è di spacciarsi per poliziotte. Ci pensa Sheila che si traveste da Alice con tanto di maschera e abiti identici. Per fuggire bastano le condotte delle fognature.

    20° episodio: Dichiarazione d'amore

    Sheila e Matthew si concedono una gita in un rifugio. Incrociano però una coppia di futuri sposi che hanno rubato un anello in gioielleria. Sulle loro tracce si mette la polizia, mentre Matthew coglie l'occasione per cercare intimità con la fidanzata. Occhi di gatto restituirà l'anello ai proprietari.

    21° episodio: Un degno rivale

    Durante una fuga sui tetti Sheila salva la vita a Matthew ma nella circostanza perde il medaglione regalo del padre. Per gratitudine il detective decide di mettersi in contatto con lei per restituirglielo. L'incontro non avviene, ma Sheila riesce a recuperare il suo prezioso oggetto.

    22° episodio: La promessa sposa di Matthew

    Durante un inseguimento Sheila salva la vita ad una bambina che si scopre essere la cugina di Matthew, fuggita di casa per dimostrare di essere in grado di diventare sposa del cugino. Sheila vista in volto dalla bambina rischia di essere riconosciuta, ma la fortuna è dalla sua.

    23° episodio: Per amore di Tati

    Tati è invaghita del suo compagno di scuola Paul. Il problema è che il padre del ragazzo è figlio del direttore del museo che custodisce il diamante della regina, prossimo colpo della banda. Si crea un conflitto di interessi che risolve Kelly.

    24° episodio: Un Natale indimenticabile

    Una reporter di Radio Giappone Fm intervista Matthew durante una trasmissione dedicata alla banda di ladre. Per errore la reporter ha portato con sé anche il disco inciso dal padre delle tre sorelle quando viveva negli Stati Uniti: inizia la corsa per riprendersi il 33 giri.

    25° episodio: Sull'orlo del precipizio

    In vacanza sulla neve ma nemmeno lì a riposo. Occhi di Gatto ha deciso di far sua la Regina delle nevi, che Rejka, figlia del collezionista, custodisce gelosamente. Anche sulla neve, la genialità delle sorelle non ha confini.

    26° episodio: Tutti in pericolo - 1° parte

    Il signor Morland, miliardario proprietario della Pacific Foundation, tende una trappola per la banda Occhi di gatto. Le conduce sulla sua isola e propone loro di rubare lo strumento di controllo dei satelliti della Terra. La diabolica minaccia di ricatto è di svelare a Matthew la loro vera identità.

    27° episodio: Tutti in pericolo - 2° parte

    Matthew vede le tre ladre, ma un alteratore di voce e di vista gli impedisce di riconoscere i volti delle ragazze. Sheila compie la sua missione, ma punta il laser del satellite per distruggere l'isola e fugge con le sorelle, salvando anche stavolta il maldestro detective.

    28° episodio: Tati perde la memoria

    Durante una fuga su un ponte Tati viene colpita e per lo shock perde la memoria. Per riacquistarla dovrà ripercorrere quanto accaduto quella sera, quando due terroristi stavano posizionando una bomba per far saltare il treno su cui viaggiava un pacifista candidato alle elezioni. Il quadro person viene recuperato da Sheila.

    29° episodio: Una modella eccezionale

    Per rubare il sospiro di Venere, Sheila diventa modella per indossarlo. Purtroppo Alice ha intuito il travestimentoe cerca di smascherarla, ma il morso che le dà durante la collutazione non è sul braccio, ma sulla gamba.

    30° episodio: S.O.S. per Tati

    Dopo l'ennesimo furto, Tati rimane prigioniera di un malvagio collezionista d'arte. Per liberarla alle Gatte viene chiesto di consegnare tutte le opere rubate, ma le sorelle riescono ad evitare lo scambio grazie ad un trucco originale.

    31° episodio: Un rivale per Matthew

    Slim Suspence ha rubato la rosa di fiamma e vuole con se anche Sheila di cui è innamorato. Purtroppo per lui la giovane Gatta non ha intenzioni reali con lui, ma sono per il diamante che vorrebbe per sé.

    32° episodio: Un'atroce vendetta

    Il signor Dammon vuole vendicare il furto della ragazza al bagno, un dipinto rubatogli l'anno prima dalle tre sorelle. Per farlo attrae le Gatte nel museo dove è rinchiuso un bellissimo ametista. Sheila finisce immobilizzata su una piattaforma sperimentale che è un pericolo mortale.

    33° episodio: Duplice obiettivo

    Il furto di un quadro è solo un pretesto per appropriarsi di una cornice regalata dalla madre al padre delle sorelle Occhi di Gatto. Inoltre, con il parziale furto Matthew riesce ad evitare il furto della tela, non originale per chiedere in sposa Sheila.

    34° episodio: Sulla pista giusta

    Il fidanzamento ufficiale con Sheila carica Matthew che all'improvviso detta una strategia per scoprire il segreto della banda di ladre. Al posto di creare misure per catturarle, si mette sulle tracce della verità per capire il motivo dei furti. Arriva così a sapere di Heintz, padre delle ragazze. Il problema è che le sorelle astute lo sviano, organizzando furti che non hanno nulla a che vedere con il pittore tedesco.

    35° episodio: Una trappola per Matthew

    Per ingannare il detective improvvisamente audace, le sorelle della banda fanno credere alla polizia che il signor Iri, morto da tempo, sia in vita e il signor Marloss si spaccia per lui. Infine il furto di un diamante al posto del dipinto del padre, completa l'opera di inganno.

    36° episodio: Partenza per L'Europa

    Il signor Daigo è stato inviato dall'Europa per portare le figlie del pittore tedesco dal padre. Per sua sfortuna è in possesso di un quadro molto pericoloso che gli costa la vita. Le Gatte scoprono che il padre vive a Parigi e tentano di raggiungerlo.

    Con questo episodio si chiude la prima stagione della serie. Per comodità espositiva continueremo la numerazione come se la serie non fosse divisa in due sezioni.

    37° episodio: Una gatta rivale

    Una donna si spaccia per una componente della banda di ladre per arrivare a scoprire il motivo dei loro furti. Le sorelle tornano in Europa per capire chi sia. Sheila fa il possibile per fermarla e proprio nel tentativo di eliminare la scomoda rivale, scopre che qualcuno può svelare dove si trovi il padre.

    38° episodio: Furto sott'acqua

    Matthew viene spostato per incapacità nella sezione stupefacenti e deve vedersela con uno spacciatore di cocaina. Occhi di gatto gli dà una mano ad ammanettare il colpevole rubandogli un quadro del padre, nella sua collezione.

    39° episodio: Uno sporco ricatto

    Il signor Keller, noto collezionista di opere d'arte, sequestra i bambini di una autobus per costringere la banda Occhi di gatto a rubare per loro. Ma le sorelle non si lasciano intimidire dai delinquenti.

    40° episodio: Un insolito appuntamento

    Il quadro da rubare La sirena è custodito in un museo costruito a picco sul mare e protetto da mura spesse 50 centimetri in cemento armato. MAtthew si fà rinchiudere nella sala dove è appeso, e riesce persino a vedere Sheila. Una messa in scena farà credere al detective di aver sognato tutto.

    41° episodio: Sul filo del rasoio

    La squadra speciale anti-Occhi di Gatto si spaccia per la Hot Dog e deve riuscire a catturare le Gatte. Fortunatamente Matthew dà una mano alle sorelle che devono aiutare Sheila a sopravvivere, senza ossigeno in una camera buia.

    42° episodio: Ladre derubate

    107 è il nome con cui è rubricato dalla polizia un ladro di appartamenti che con le aste vende ciò che ha indebitamente preso. Stavolta le malcapitate sorelle sono sue vittime, dopo lo stesso Matthew che così chiede di restare con loro in casa.

    43° episodio: Casa dolce casa

    Per compiere un furto le sorelle sono costrette a convincere Matthew a lasciare la loro casa. Infatti la sua compagnia impedisce loro di uscire di notte e recuperare le opere disperse. Inizia una sequenza di situazioni imbarazzanti.

    44° episodio: Chi troppo vuole..

    Il dipinto la via Lattea apparteneva al signor Heintz, così Occhi di gatto la insegue. Prima di loro arrivano una banda di furfanti che la vorrebbe sottrarre alla Fondazione Umanitaria che ne ha una copia. Un simulatore di volo risolve i problemi.

    45° episodio: Amore a prima vista

    Il giovane Gary ha il vizio di rubare auto e stavolta il malcapitato è proprio Matthew, che viene sospeso dal servizio proprio per aver usato la macchina di servizio in compagnia di Sheila. Solo Occhi di gatto può restituirgli l'auto, anche perché è sull'auto il diamante rubato da loro e Gary è invaghito proprio di Sheila..

    46° episodio: Gioco pericoloso

    Marrybel è stato catturato da Matthew per aver rubato un quadro dal museo di Tokyo. Peccato che Occhi di Gatto lo debba liberare per sapere dove si trova l'intera collezione di opere dei ladri. Il problema è che a fine missione il giovane ladro andrà resitutito di nuovo alla polizia, altrimenti Matthew sarà nei guai.

    47° episodio: Mistero nella notte

    Tati riceve strani regali da un amico. I video che le arrivano contengono messaggi che la ipnotizzano, facendole rubare le opere dal magazzino comune e che al risveglio non ricorda più di aver compiuto. Solo Kelly può pensare alla soluzione adatta.

    48° episodio: Per una bottiglia di vino

    Torna dal passato una vecchia bottiglia di vino, affondata insieme al transatlantico che la trasportava dal 1943. Un folle vorrebbe ridar vita al terzo Reicht e la bottiglia ha qualcosa che dovrebbe dargli una mano. Peccato che le sorelline Gatte non siano dello stesso avviso: l'etichetta della bottiglia era opera del genio del padre.

    49° episodio: Un'amica per Tati

    Maggy è figlia di un collezionista d'arte che poco si cura della sua figlioletta. Così, fuggita da casa, la ragazza incontra Tati che viene ingiustamente accusata del furto della donna nuda dipinta dal padre anni prima. Vero colpevole è Sherlock il detecitve incaricato di trovare la ragzza fuggita.

    50° episodio: La spilla della discordia

    Una gioielleria diventa bersaglio per una banda di fuorilegge, ma possiede un diamante appartenuto al pittore Heintz. Il travestimento di Matthew reggerà per poco tempo, mentre Kelly e Tati interverranno per Sheila in difficoltà.

    51° episodio: Matthew e Sheila sposi

    Un matrimonio simulato solo per evitare il furto di una statuetta della Madonna. Il problema è che Tati e Sheila devono presenziare alla cerimonia e prendere la statua. Sembra difficile ma non lo è. Basta far credere che le Gatte hanno rapito e preso il posto delle sorelle della sposa.

    52° episodio: Il rapimento di Sheila

    Sheila viene rapita da un collezionista di bellezze femminili. Così, oltre a dover rubare il quadro che il maniaco nasconde, devono liberare anche la sorella, che Matthew cerca contemporaneamente.

    53° episodio: Il profumo delle Hawaii

    Katy è una dolce ragazza che Mac ha conosciuto alle Hawaii. Purtroppo per lui quella che incontra sembra una donna come quella che ama, ma è solo una perfida modella che gioca con la vita altrui. Sheila si trova in mezzo alla vicenda per via di un gioiello che deve recuperare.

    54° episodio: La lucciola

    Un'altra ladra, un altro grattacapo per la polizia. Stavolta la vittima di turno è proprio il Capo. Si innamora proprio della persona che sta dietro le quinte dell'organizzazione. Fortuna che Kelly riesce a ricostruirne i movimenti e sistemare le cose.

    55° episodio: Sfida al computer

    Una statua proveniente da Chicago è protetta da un sistema di sicurezza computerizzato. Occorrerà prima scoprire le password di accesso al sistema, poi manometterlo per impadronirsi del furgone. Lavoro da Occhi di gatto.

    56° episodio: Nemici...per la pelle

    Benji ha ereditato un violino preziosissimo dal padre. Il giovane è però diventato compagno di classe di Tati che assiste al tradimento della sua guardia del corpo Gai che vuole impadronirsi dell'oggetto prezioso. Solo Occhi di Gatto può rimettere le cose a posto..

    57° episodio: Pericoloso inganno

    E' un deputato il vero responsabile dell'omicidio del possessore del quadro da rubare. Occhi di Gatto deve darsi da fare per fornire le prove che non sono loro le assassine. Non sarà semplice, ma la mente di Kelly ne pensa sempre di nuove.

    58° episodio: Misteriosa rivale

    La misteriosa informatrice della polizia è la stessa Sheila, che con abile gioco di seduzione cerca di mettere alla prova il "suo" Matthew. Il detective, di fronte alla tentazione non cede.

    59° episodio: Kelly si innamora

    Qualcuno ha sostituito il dipinto Il risveglio dell'angelo con uno falso. Chi lo ha disegnato chiede a Kelly di fare da modella per lui, in vista del concorso nazionale. Purtroppo il bravo pittore ha alle calcagna un padrigno che lo minaccia e che rende impossibile la realizzazione del ritratto.

    60° episodio: Missione "Pesce d'aprile"

    Sam Roller deve essere finalmente catturato. Matthew ha un piano in mente: far credere al delinquente che le tre sorelline siano la banda Occhi di gatto per catturarlo. Dal canto loro le sorelle possono recuperare la Statuetta di Venere che Roller possiede.

    61° episodio: Un'adorabile impicciona

    La nuova poliziotta Mary Joe è follemente innamorata di Matthew. Sheila fraintende il comportamento del detective, che sta cercando di catturare il famoso ladro di opere, il dottor Brent. Proprio lui invita Sheila sulla nave dove l'opera da rubare è nascosta.

    62° episodio: Una partita ben giocata

    Il diamante Koynor apparteneva alla famiglia Heinz. Ora deve essere riportato al suo posto e Occhi di Gatto prova a portarlo via. Durante la fuga è costretta a nasconderlo in una palla da football. Serve una partita per portarsi a casa il pallone e vi partecipa anche Martin, nuovo insegnante di Tati.

    63° episodio: Il nuovo capo

    Il signor Maxwell prende il posto del personale prima addetto alla banda Occhi di gatto. Il furto della statua con la Collana di Cenerentola è l'occasione per rifarsi. Matthew e compagni cercano di catturare le ladre e riprendersi un posto che vogliono.

    64° episodio: Sheila diventa bay sitter

    Il piccolo William viene affidato dalla madrea Matthew per una serata. Ma siccome il detective lavora, lui"gira" il piccolo alle sorelle ladre. Il furto della statuetta d'oro viene rinviato così di un giorno, ma il secondo giorno purtroppo il bimbo dovrà seguire le Gatte e diverrà essenziale per la riuscita del furto.

    65° episodio: Due vecchietti..molto giovani

    Gli anziani coniugi Nicholson sono in vacanza a Tokyo e inscenano un rapimento per causa dei loro aneli col il sole e con la luna. In realtà i due anziani sono molto più astuti di quanto non sembri, e riescono a superare l'abilità delle Gatte fino a regalar loro gli anelli per affetto.

    66° episodio: L'indovino

    Il miliardario signor Robinson ha rubato il dipinto Il castello di primavera appartenuto ad Heintz. Ora le Gattine vogliono riprenderselo, proprio quando Matthew aveva stabilito un appuntamento mondano con Sheila. Ci si mette di mezzo anche un indovino, che prevede un tradimento di Matthew

    67° episodio: Il concorso di bellezza

    L'Unicorno verrà consegnato alla vincitrice del concorso di bellezza. Dopo lo spareggio è Alice a vincerlo. Quindi alle Gatte non rimane che rubarlo.

    68° episodio: Un nascondiglio sicuro

    Scoth ha rubato una quantità enorme di gioielli e opere anni prima, al Museo Nazionale, tra le quali un dipinto di Heintz. E' arrivato il momento di riprendersi ciò che appartiene alla famiglia, ma occorre sapere dove il ladro ha nascosto la refurtiva.

    69° episodio: Chi è Occhi di Gatto?

    Per non attirare attenzioni, Sheila si traveste da uomo e salva la ivta ad una ragazza che se neinvaghisce. Il problema è che per salvarla Sheila usa il biglietto della banda e così viene indiziata come uno dei componenti della banda.

    70° episodio: Agguato negli abissi

    Un istruttore subacqueo è l'unico erede di chi rubò una collezione di vasellame d'oro. Niente di meglio che concedersi una bella vacanza sull'isola dove vive e cercare di prendersi le sculture del padre. Matthew decide di partire e raggiungere le sorelle sull'isola.

    71° episodio: Una "Gatta" in televisione

    Daniel Kent, esperto d'arte, riesce a riprendere l'ombra di Kelly con la telecamera mentre cerca di portare a termine la sua opera e tenterà di identificarla pubblicamente. L'astuzia delle sorelline però supera anche quella dell'aspirante deputato. Infatti Kelly si è travestita da uomo proprio per farsi riprendere e smascherarlo in pubblico.

    72° episodio: Un furto quasi impossibile

    Il direttore del museo dov'è custodito il gioiello da rubare è davvero geniale. Ha ideato un sistema di sicurezza che è all'avanguardia. Servirà tutta l'astuzia delle Gatte per riuscire nell'impresa impossibile.

    73° episodio: Finzione o realtà?

    Per poter rubare il diamante più bello del mondo, Tati ha scritto una sceneggiatura proprio sulla vita di Occhi di Gatto. Qui si inscena un possibile finale della serie. Sheila si consegna alla polizia pur di evitare il licenziamento dell'uomo che ama. Realtà e fantasia si fondono fino a non poter essere più distinte.


    Rivediamoli insieme

    La serie è densa di momenti memorabili. La selezione, pur difficoltosa, ha dato questi risultati:

    Un degno rivale


    Dentro la scena

    Tra le scene meglio costruite della serie. A distanza di pochi metri, eppure senza potersi riconoscere.

    Tutti in pericolo


    Dentro la scena

    L'episodio con la maggior quantità di adrenalina. Con colpo di scena finale.

    Finzione o realtà?


    Dentro la scena

    Chi avesse perso il finale può gustarne qualche secondo. Si rinvia alla recensione per il commento.


    Bello ma impossibile

    La serie non contiene elementi fantascientifici o fiabeschi, pertanto possiamo considerare come inverosimili tutti gli aspetti che sono irreali:

  • Sheila sui tetti della città: l'agilità delle Gatte è senz'altro carattere innegabile delle sorelline protagoniste, ma alcune permormances sui tetti della città sono eccessivi. Qualche eroe dei fumetti lo faceva prima di loro, ma si serviva delle ragnatele come appigli, loro fanno a meno anche di quelle..
  • La polizia distratta: nonostante gli sforzi profusi per catturarle, la polizia sembra a malpartito con le giovani ladre, ma non hanno pensato che il biglietto di avvertimento che lanciano prima di ogni furto contiene senz'altro impronte digitali. Nessuno se ne cura?
  • Sorvolare Tokyo: elicotteri, velivoli artigianali, la fantasia delle sorelle non ha limite, ma dimentichiamo un particolare non proprio accessorio: nessuno può volare sui cieli del pianeta senza identificarsi. Una falla che la serie si concede pur di dotare le ragazze di quella libertà di azione che serve alla sua economia narrativa.
  • Super-Sheila: ancora lei, la modella della serie, che ne fa davvero di tutti i colori. Quando si offre volontaria per la salvezza di un bambino rimasto intrappolato nell'incendio di un edificio avanza spavalda nelle fiamme, quasi fosse ai giardini pubblici. Nemmeno la temperatura dell'aria la preoccupa minimamente, per non parlare dell'ossigeno che in quelle condizioni certo non abbonda.
  • La formula sulla bottiglia di vino: Kelly riesce a dare significato ad una formula chimica che non ha senso. Un fotogramma inquadra la sequenza dei simboli che la compongono. Il bello è che la ragazza la digita al computer senza averla davanti: in pratica la conosce a memoria pur avendola letta una sola volta..
  • I robots di Tati: la geniale sorellina di casa riesce a costruire due robottini in poche ore programmati per salutare Alice. Non solo sono identici agli originali, ma addirittura svolgono alla perfezione il loro compito di simulare lo studio dell'inglese. Proprio brava Tati..
  • Il morso di Alice: l'acuta psicologa dubita presto e a ragione dell'identità vera della fidanzata del collega Ismann, ma soffre di distrazioni (o amnesie) preoccupanti: quando affronta in duello la Gatta le sferra un morso sul polpaccio che sembra lasciato da un dobberman furioso. Tuttavia, quando passa alla verifica dei suoi sospetti "toppa" clamorosamente, controllando le braccia della ragazza nella vasca da bagno che ovviamente sono intatte..
  • Ismann un po' distratto: il detective della serie è senz'altro impacciato, ma molto distratto. La Gatta di cui è perdutamente innamorato gli passa a distanza di pochi centimetri, gli salta sopra la testa e sotto il naso ma lui ha necessità di guardarla in volto per capire chi sia. Il colmo lo si raggiunge quando è costretto a caricarsela sulle spalle di peso per salvarla e non riesce a capire che si tratta della sua adorata Sheila..
  • L'alteratore di voce: il signor Morland minaccia di rivelare la loro identità a Ismann pur di ottenere ciò che vuole. Sheila, giustamente, rifiuta e accetta la pena inflitta. Tuttavia quando entra in sala, il giovane detective non le può riconoscere, per via del simulatore. Senza che lo abbiano chiesto, quindi, le sorelline sono state "graziate"...
  • La memoria di Tati: quando riacquista la memoria la giovane Gattina racconta come ha fatto a perderla, e guistamente afferma "non so come sono arrivata sul luogo dell'appuntamento". Ha detto bene, non sa come ha fatto perché non poteva ricordare qualcosa che aveva dimenticato..


    Per discutere di questa serie è stata attivata una
    apposita pagina sul blog di Hitparade Italia Cartoni.