E PENSO A TE
(di Mogol / L.Battisti)

  • Anno: 1970
  • Altri titoli: -
  • Interpreti: Bruno Lauzi

  • HitParade: -
  • Chart annuale: -

  • Altri interpreti: Lucio Battisti - Mina - Johnny Dorelli - Raf
  • Tutti conoscono questo brano, entrato ormai tra gli standard della musica italiana e inciso da decine di artisti. Scritto di getto da Mogol durante un breve viaggio in autostrada, viene pubblicato sulla facciata B di uno sfortunato 45 giri ("Mary, oh Mary" Ŕ la facciata A e vende solo 35 mila copie, non entrando neppure tra i primi cento dischi dell'anno) che apre la collaborazione tra Battisti e Bruno Lauzi.

    Il testo Ŕ un discorso apparentemente banale tra un uomo e una donna, con una parte introspettiva, che descrive l'ossessione di lui per un'altra donna che Ŕ andata via. Al gioco di ripetizioni del testo fa riscontro un giro armonico di accordi semplici, in un crescendo che arriva fino all'intermezzo strumentale, e riprende alla fine del brano. La melodia dell'intermezzo, che poi rimane nella memoria di tutti come la parte pi¨ orecchiabile, non Ŕ in realtÓ una invenzione di Battisti, ma dell'arrangiatore (Gian Piero Reverberi) al quale va il merito di aver saputo vestire al meglio un brano che, per la sua semplicitÓ, era destinato a rimanere nel repertorio "minore" del cantautore, e che invece diviene col tempo un classico della canzone italiana.

    Tra le numerosissime versioni, ricordiamo quella "unplugged" dello stesso Battisti che la ripropone in "Umanamente Uomo" del 1972, di Mina, di Johnny Dorelli, e pi¨ recentemente di Raf.

    (Orlando R.)