MICHELLE
(di John Lennon - Paul McCartney)

  • Anno: 1965
  • Altri titoli: -
  • Interpreti: The Beatles

  • HitParade: #6, Luglio 1966
  • Chart annuale: Top 50

  • Altri interpreti: Peppino Di Capri
  • Ai Beatles succedeva, abbastanza frequentemente, di registrare durante le ore notturne. I motivi che li spingevano a fare questa scelta sono da ricercarsi prevalentemente nella necessitÓ di avere a disposizione gli studi senza assilli di orario, liberi quindi di fare e rifare nella costante ricerca di ottenere il massimo dalle tecnologie di registrazione proprie dell'epoca. A quei tempi, e fino all'album "Sgt. Pepper" compreso, si registrava ancora su 4 piste. Erano perci˛ necessari, per le loro esigenze, numerosi riversamenti e sovraincisioni, rifacimenti, aggiunte di effetti. Le ore canoniche difficilmente bastavano per cui diventava necessario, per rispettare i tempi programmati per le uscite di 45 giri e LP, estendere la permanenza in sala di incisione alle ore in cui la gente comune dormiva.

    Anche "Girl" fa parte del novero delle registrazioni "by night". I "Fab Four" entrarono nello studio 2 della EMI in Abbey Road alle 18 dell'11 novembre 1965 e ne uscirono solamente alle 7 del giorno successivo con quattro titoli: "You Won't See Me", "Girl", "Wait" e "I'm looking Through You". Per gli ultimi due si trattava di aggiungere sovraincisioni a materiale giÓ esistente.

    "Girl" Ŕ stata composta interamente da John Lennon. Messo sotto pressione dalle scadenze degli impegni (bisognava per contratto uscire con un LP prima della fine dell'anno) il beatle "grassoccio e miope" produsse quella che tanti amano considerare come la sua risposta a "Yesterday" di Paul McCartney. Curioso osservare, per ammissione di Paul McCartney fatta per˛ durante un'intervista rilasciata parecchi anni dopo, che nel coretto intonato da lui stesso e George Harrison, da tutti inteso come "Ti - ti - ti - ti...", in realtÓ scandivano maliziosamente "Tit - tit - tit - tit...".

    Leonardo Viani