STAYIN' ALIVE
(di B. - R. - M. Gibb)

  • Anno: 1977
  • Altri titoli: -
  • Interpreti: Bee Gees

  • HitParade: #1, Aprile 1978
  • Chart annuale: Top 10

  • Altri interpreti: N-Trance (#2, Novembre 1995, Top 20)
  • Due anni prima di questo brano la disco era un fenomeno circoscritto alle comunitÓ nere, omosessuali e ispaniche degli USA. Un anno dopo era un fenomeno mondiale. Come era successo per il rock'n'roll, perchŔ una musica di estrazione nera si diffondesse in tutto il mondo se ne dovettero appropriare i bianchi. Lý era stato Elvis Presley, qui i Bee Gees.

    Nel '76, il produttore Robert Stigwood aveva rivitalizzato i tre fratelli dell'Isola di Mann convertendoli alla disco (l'album era "Children of the world" e l'hit "You should be dancin'"), l'anno dopo, dovendo produrre un film sull'argomento, era naturale che tornasse a rivolgersi ai Bee Gees. Il film ("La febbre del sabato sera") e la sua colonna sonora furono un successo planetario.

    Questo Ŕ il brano portante. Un brano maledettamente ben costruito, con un riff indimenticabile, assolutamente irresistibile in discoteca. Impossibile ascoltarlo senza riavere davanti agli occhi le immagini di John Travolta in giacca bianca, camicia nera e il ditino alzato. Lo specchio di un'epoca e il simbolo di un intero genere musicale. La canzone diede poi lo spunto ad un sequel della Febbre del sabato sera ("Staying alive", appunto), ma senza lo stesso successo.

    Il brano fu ripreso negli anni '90 dagli N-Trance che lo riportarono in classifica, nell'autunno del 1995, per la precisione.

    (Lucio Mazzi) dalla sua Enciclopedia della Musica Dance.