Le classifiche di HitParadeItalia

 
Le classifiche di HitParadeItalia sono sensibilemente differenti rispetto a quelle che vengono diffuse dalle testate giornalistiche o radiotelevisive. Prima ancora che nei risultati e nei titoli contenuti, le differenze consistono nei diversi criteri da noi adottati per pervenire alle classifiche annuali. Per comprendere il nostro approccio è necessaria una parentesi storica.

NOTA STORICA

Come noto, e più volte ripetuto in altri punti, in Italia non esiste una classifica "ufficiale" attiva da quando si sono iniziati a vendere i dischi, del tipo di Billboard in America, per intenderci, organizzazione che pubblica classifiche di vendita dalla fine del 1800 (sì, quando ancora il disco non esisteva: i dati di vendita si riferivano alla vendita di spartiti musicali, l'analogo delle "copielle" napoletane). I primi dati disponibili in Italia risalgono solo al secondo dopoguerra e diffusi semi-clandestinamente dalle singole case discografiche.
Le prime classifiche settimanali di cui si ha memoria scritta risalgono al 1959 ad opera della rivista "IL MUSICHIERE". Da lì in poi, in Italia sono comparse qualcosa come una trentina di differenti classifiche, alcune pubblicate per diversi decenni ed altre per pochi mesi.
In questo panorama molto frammentato, un posto a parte meritano le classifiche del mensile di economia della musica, Musica & Dischi, che pubblica delle proprie classifiche di vendita a partire dagli anni '50 su base mensile e dal 1960 su base settimanali (denominate Discopress).
Non vogliamo tediarvi con l'elenco completo di tutte le classifiche esistite in Italie, ma citiamo solamente le maggiori: TV Sorrisi & Canzoni, Rai-Radiocorriere, Big-Ciao 2001, Sogno, Bolero Film e, a partire dal 1995, le classifiche FIMI-Nielsen.
Esistono inoltre classifiche specializzate per genere (juke-box, molto diffuse negli anni '60, o dance) o per tipo di supporto (musicassette, mix, cd, video).

Inoltre, c'è da considerare che tutte queste classifiche sono diffuse su base periodica, eminentemente settimanale, e non indicano mai il numero di dischi venduti ma solo la posizione che un determinato disco ha ottenuto in una determinata settimana. Le classifiche annuali che si pubblicano, conseguentemente, NON fanno riferimento al reale numero di dischi venduti ma vengono ricavate dai dati delle classifiche settimanali attribuendo un determinato punteggio ad ogni settimana in classifica in funzione della posizione raggiunta. I criteri seguiti variano da classifica a classifica e da periodo a periodo, spaziando da chi conta esclusivamente il nr. di presenze in classifica, a chi attribuisce un punteggio lineare inversamente proporzianale alla posizione occupata in classifica settimanale (ad es., per una classifica a 20 posizioni: 20 al primo, 19 al secondo, 18 al terzo e 1 al ventesimo).
Va da sè che un simile metodo fornisce solo una vaga idea dei dischi effettivamente più venduti perchè non distingue nè tra le differenze di volumi di vendita che avvengono nei diversi periodi dell'anno (è ovvio che a Ferragosto si vendono meno dischi che sotto Natale) e nè delle differenze che vi sono tra i volumi di vendite che si hanno tra il primo in classifica ed il secondo rispetto a quelli che si hanno, ad es., tra il 14-esimo ed il 15-esimo. Ma tant'è, in mancanza di dati più affidabili... in Italia, e non se ne capisce il motivo, non vengono infatti divulgati sistematicamente i dati sul numero di copie effettive venduto dai dischi, se non molto episodicamente e legati più ad esigenze di promozione (ad es., i vari dischi d'oro o di platino) che ad esigenze di rilevazione statistica.

Ancora: tutte le classifiche di fine anno che si pubblicano fanno riferimento all'anno solare. In questo modo, i dischi usciti negli ultimi mesi di un anno, vengono conteggiati parte nell'anno di uscita e parte nell'anno successivo, con il risultato di trovarsi sì nelle classifiche di due anni ma in entrambi non in posizioni elevate, nonostante siano magari dei dischi che hanno venduto maggiormente dei dischi che si trovano nelle primissime posizioni.

Dulcis in fundo: le classifiche pubblicate contengono una serie di errori, a volte anche madornali, inserendo dischi non ancora (o mai) usciti nei negozi, sbagliando titoli o interpreti, inserendo un disco nella classifica album anzichè in quella single, e viceversa, ed altre amenità del genere.

L'APPROCCIO DI HITPARADEITALIA

Considerando le premesse suddette, il nostro approccio è stato quello di eliminare le maggiori storture e limitazioni esistenti nei dati disponibili. In sintesi, questi sono i principali criteri da noi seguiti.

  • Non essendo disponibile alcuna fonte ufficiale, il nostro approccio è stato di considerare tutte le fonti disponibili. In questo modo, eventuali imprecisioni o favoritismi vengono compensati dall'alto numero di fonti considerate, facendo delle classifiche di HitParadeItalia quelle maggiormente affidabili in circolazione.

  • Man mano che acquisiamo ed elaboriamo le varie fonti disponibili, le nostre classifiche possono subire delle variazioni, in genere lievi, ma a volte significative, sopratutto relative all'anno (vedi oltre). Le nostre classifiche sono quindi dinamiche in base all'affinamento dei dati che operiamo continuamente.

  • Abbiamo scelto di cumulare tutti i punteggi ottenuti da un particolare brano in un solo anno solare: quello in cui il brano ha ottenuto il "maggior successo", cioè l'anno in cui ha totalizzato il maggior punteggio in base alle presenze/posizioni della classifica settimanale. Ciò significa che un disco in classifica in due anni consecutivi, verrà inserito SOLO nell'anno di uscita o SOLO nell'anno successivo. Una conseguenza di quest'approccio è che è possibile ottenere una classifica sufficientemente stabile di un determinato anno solo dopo 4 o 5 mesi dalla fine di quell'anno in quanto diversi dischi non hanno ancora concluso il loro ciclo di vendita. In altre parole, per ottenere la classifica sufficientemente stabile del 2003, occorre aspettare almeno sino ad aprile-maggio del 2004.

  • In pratica, questi sono i passi svolti per elaborare le nostre classifiche:
    1. Inserimento nel database delle varie classifiche disponibili, in base al particolare periodo storico preso in considerazione. Tali classifiche sono principalmente settimanali; nel caso di diversa periodicità, si effettua una normalizzazione alla settimana.
    2. Eliminazione degli errori più grossolani che TUTTE le classifiche contengono in grande o piccola quantità.
    3. Normalizzazione del giorno di fine classifica settimanale, posto per tutte le classifiche al sabato.
    4. Ottenimento di una classifica settimanale mediata da tutte le classifiche settimanali ottenute dalle elaborazione dei punti precedenti.
    5. Attribuzione di un punteggio ad ogni disco in classifica settimanale in base alla posizione occupata. Il valore di tale punteggio deriva da complessi calcoli statistici che hanno lo scopo di stimare la percentuale di vendita dei vari dischi in classifica settimanale rispetto al disco che occupa la posizione numero 1 (ad esempio, posto uguale a 100 le vendite del disco al nr. 1, si rileva statisticamente che il disco al nr. 2 mediamente vende l'80%, quello al nr. 3 il 70%, e così via.).
    6. Tali punteggi settimanali vengono vengono accumulati per ogni disco, pervendo alla classifica di fine anno; come già detto, i dischi a cavallo di 2 anni consecutivi vengono inseriti nella classifica annuale dell'anno in cui hanno ottenuto il maggior punteggio parziale. Ad es., se un disco ha ottenuto 2,45 nel 1996 e 3,12 nel 1997, il disco viene inserito nella classifica annuale del 1997 con il punteggio complessivo di 5,57.

Inoltre, stiamo affinando sempre più le elaborazioni per rendere il nostro metodo sempre più preciso ed affidabile. Queste sono le principali componenti su cui stiamo lavorando:
1. man mano che si rendono disponibili, inserimento di ulteriori classifiche, pesandole in base alla loro importanza ed affidabilità;
2. inserimento dei dati di airplay, cioè di quante volte un disco è stato trasmesso per radio e/o per televisione;
3. inserimento dei dati di venduta di musica on-line;
4. inserimento dei dati di vendita tramite il canale delle edicole; 5. riferimento al numero di copie effettivamente vendute da un disco nei (rari) casi in cui tale numero è noto. Al riguardo, se disponi di dati effettivi sulle vendite di un disco, ti preghiamo di contattare la nostra redazione.

Il risultato finale di tali elaborazioni è che le classifiche di HitParadeItalia sono le più complete ed affidabili in circolazione e, conseguentemente, quelle che forniscono la stima più verosimile delle vendite ottenute da un disco. Ripetiamo che inevitabilmente si tratta di una stima in quanto in Italia non esistono dati ufficiali sul numero di copie di un disco.